28 Settembre 2022

READY 2 PLAY

2018: NASCE IL PROGETTO "READY2PLAY"
Il progetto Ready2Play, nasce dall’esigenza di consentire anche ai bambini con disabilità di poter giocare a calcio e far parte di una squadra, nella convinzione che il “giocare a calcio” possa portare a loro un miglioramento della salute, alla luce della Classificazione Internazionale del Funzionamento della disabilità e della salute, documento redatto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nel 2001.I
l progetto è stato ideato e curato dai terapisti occupazionali Marco Lodi Pasini e Marco Pastori, che hanno dedicato due anni allo studio della letteratura internazionale sul tema disabilità-sport, integrazione sociale e studiato i progetti esistenti, con il completo e più volte manifestato supporto di tutta la Società Torino Club, prima di iniziare il progetto vero e proprio, per poter dare alle nostre scelte una solida base scientifica.
Attraverso questo progetto si vuole proporre un approccio differente alla disabilità, soprattutto a livello culturale: è la prima volta che una Scuola Calcio si occupa, in maniera diretta e senza appoggiarsi ad altre strutture, di organizzare un progetto riguardante la disabilità e lo sport. Il tutto affidando la guida a professionisti del settore.
La scelta di avere una equipe formata sia da persone provenienti dal mondo del calcio (mister e psicologa), sia da professionisti sanitari (terapisti occupazionali, educatori professionali, fisioterapisti) che quotidianamente lavorano con bambini con disabilità, rende possibile uno scambio e un continuo confronto sulle scelte e sull’andamento degli allenamenti e adattare gli esercizi alle reali capacità dei bambini.
Particolare attenzione è data al momento dello spogliatoio: un tempo spesso sottovalutato e finalizzato solo alla preparazione per le attività in campo, qui è il cuore del progetto. Attraverso la grande motivazione dei bambini che vogliono e non vedono l’ora di entrare in campo, si lavora sulle loro autonomie. Svestirsi, vestirsi, organizzare la borsa, allacciare gli scarpini diventano veri e propri obiettivi da raggiungere, proprio come quelli relativi al calcio.

L’integrazione, altro aspetto importantissimo, è dato dall’essere inclusi, a tutti gli effetti, nella Scuola Calcio Torino Club: questo vuol dire potersi allenare nel bellissimo campo sintetico della società, indossare i colori del club, e, per scelta, chiamarsi esattamente come tutte le altre squadre: semplicemente “Torino Club”.
Durante la stagione ci sono momenti nei quali, altre squadre della società vengono a trovarci durante gli allenamenti: insieme si lavora affinché questo momento possa essere davvero di integrazione e di gioco, cercando quanto più possibile di tenere in considerazione le esigenze dei bambini con disabilità, ma anche quelle dei bambini che vengono a trovarci.
E la loro esigenza è una ed è molto chiara: entrambi i gruppi vogliono, ognuno con le sue capacità e possibilità, solo GIOCARE A CALCIO! La sfida di come riuscire a fare, spetta a noi pensarlo…



STAGIONE 2018/2019

https://m.youtube.com/watch?feature=youtu.be&v=Ua-koyWcgIE



STAGIONE 2019/2020

Gallarate, 30 giugno 2020

Si è concluso, anticipatamente e in maniera del tutto improvvisa, la seconda stagione del Progetto Ready2Play.

Nella stagione 2019/20 la squadra ha visto impegnati 13 bambini (dei quali 8 hanno frequentato la stagione precedente) di età compresa tra i 5 e i 13 anni.
Quest’anno abbiamo vi è stato un incremento dei bambini accolti nel team (13, contro i9 della stagione precedente) che ha comportato quindi un allargamento dell’equipe degli operatori (da 7 a 10) che, insieme al mister, sempre presente, si sono via via alternati per poter sempre garantire il rapporto operatori bambini di 1:2
Sin dal primo allenamento si è notato che i bambini che hanno frequentato la stagione 2018/2019 hanno mantenuto le abilità acquisite l’anno precedente mostrando un comportamento rispettoso ed adeguato durante il momento dello spogliatoio e rispettando le regole fornite sia in campo che fuori. Ciò ha facilitato l’inserimento dei bambini nuovi i quali, anche per imitazione ai compagni, hanno seguito le indicazioni del mister e dello staff fin dal primo giorno.

Attività nello spogliatoio:

All’interno dello spogliatoio si sono perseguiti, come sempre, gli obiettivi legati all’incremento della autonomia. Si è notato, generalmente, un miglioramento di tutti nell’esecuzione delle varie attività ed alcuni bambini. Per ognuno di loro si sono condivisi in equipe gli obiettivi da raggiungere e su cui lavorare (allacciarsi le scarpe, aprire e chiudere la zip della felpa o della borsa, ecc)

Attività in campo:

In campo si è visto in generale un buon rispetto delle regole e molti bambini hanno sviluppato maggior resistenza fisica, forza nel calciare la palla, miglior equilibrio. Nella seconda parte dell’allenamento si è sempre riusciti a svolgere una partitella con la presenza in campo di soli due operatori di supporto (più il mister che faceva da arbitro), sono state introdotte alcune regole come il passaggio obbligatorio per permettere un maggior coinvolgimento di tutti i componenti della squadra.
Infine, alcuni genitori, durante brevi momenti di colloquio individuale prima dell’allenamento, hanno riferito di aver osservato un miglioramento nelle relazioni sociali del loro figlio in particolare a scuola con i compagni

Lo staff del Ready2Play:

I responsabili del progetto Ready2Play hanno inoltre partecipato a uno degli incontri di formazione promossi dall’ A.S.C.D Torino Club Marco Parolo. Nello specifico sabato 18 Gennaio 2020 è stata presentata una relazione dal titolo “Genitori di figli sportivi” all’interno della mattinata di formazione avvenuta con la Dott.ssa Castelli (Atalanta B.C.) e rivolta ai genitori dei bambini iscritti alla scuola calcio Torino Club.
Durante il periodo di sospensione degli allenamenti, dovuto al rispetto delle misure di contrasto e contenimento del virus Covid-19, lo staff del Ready2Play ha cercato di rimanere in contatto con i bambini e le loro famiglie inviando messaggi di saluti e video contenenti giochi ed esercizi utili allo sviluppo di abilità manuali propedeutiche alle attività svolte nello spogliatoio. I bambini hanno accolto con gioia ed entusiasmo tali proposte e hanno mostrato una buona partecipazione alle attività, i genitori hanno inviato messaggi di risposta e ringraziamento.

Concludiamo con la comunicazione di aver ricevuto due importanti riconoscimenti:

Il 24 novembre 2019 l’ A.S.C.D Torino Club Marco Parolo ha ricevuto la Borsa di Merito “Stefano Pietrobon A.M.” per il progetto Ready2Play riconoscendo al progetto un forte sostegno della comunità locale.
Il 6 Febbraio 2020 Marco Pastori, uno dei due ideatori e responsabili del progetto, ha vinto un importante premio come “Student Changemaker of the Year” presso la Northampton University (UK) per il progetto Ready2Play (R2P) a cui è stato riconosciuto un forte impatto sociale.
Questi importanti traguardi sono stati raggiunti grazie al continuato e forte sostegno di tutta la Società del Torino Club Gallarate, ma non solo. Ringraziamo per il sostegno: il Comune di Gallarate, i nostri sponsor (AED- Ass. Europea Disgrafia e LOPAR CS) che condividono con noi gli importanti valori alla base del progetto. Il tutto è stato possibile anche grazie al contributo importante della Fondazione Comunitaria del Varesotto onlis.

Speriamo che tutti questi protagonisti possano essere di nuovo al nostro fianco per il prossimo anno.






SPONSOR
LOPAR SRL
Dalle bilance a pendolo ai circuiti stampati
Dal 1955 Lopar si specializza dapprima nella costruzione e commercializzazione delle bilance a pendolo, comunemente conosciute come bilance a due piatti.
Nel corso degli anni le competenze nel settore tecnologico l'hanno portata a esplorare diversi settori fra cui quello dei circuiti elettronici.

Via dell'Industria, 141 - 21044 - Cavaria Con Premezzo (VA)
tel: 0331 216085
www.lopar.it - lopar@lopar.it


SPONSOR
https://www.disgrafie.eu/


A.E.D. (Associazione Europea Disgrafie)e' una associazione professionale ,riconosciuta del Miur come ente formatore per il personale docente che forma e sensibilizza insegnanti e genitori, con corsi appositi, sulla importanza di educare il gesto grafico fin dalla Scuola della Infanzia e proseguire alla Scuola Primaria. AED ,inoltre, promuove corsi professionali per formare professionisti specializzati nel riconoscere ,valutare e recuperare la disgrafia e le difficolta' di scrittura.


Realizzazione siti web www.sitoper.it